Viaje Flamenco. Vicenza.

Bentrovati. Oggi apriamo questa nuova sezione dedicata agli Speciali, con Elisabetta Mascitelli, ideatrice del progetto Viaje Flamenco, che questo sabato 17 Ottobre 2020 da il via alla sua 3à edizione. Ecco come ci ha raccontato la sua idea.

Il progetto nasce tre anni fa con l’intento di sviluppare e proporre degli eventi artistico- didattici riguardanti il Flamenco che avessero un filo in comune. Non solo dei corsi per i nostri allievi ma anche spettacoli per vedere in azione i maestri e eventi culturali con la nostra rassegna FLAMENCO Y CULTURA per contestualizzare e conoscere sempre di più il flamenco. Il nome, Viaje Flamenco è stato scelto perché abbiamo voluto coinvolgere degli artisti seguendo un “ruta flamenca” che ci portasse nelle città dove il Flamenco è vissuto intensamente. Alla prima edizione “Sevilla – Jerez – Granada” hanno partecipato tre artisti che, con i loro stili differenti ci hanno raccontato l’essenza delle città da dove provengono e dove si sono formati: Irene La Sentío, una vera e propria forza della natura, Beatriz Morales con lo stile inconfondibile di Jerez e per l’ultimo appuntamento Ivan Vargas, di una delle più importanti famiglie gitane di Granada, ospiti con lui due sue piccolissime allieve “Triana La Canela“ e Irene Olvera.

La seconda edizione a causa del blocco imposto dall’emergenza sanitaria è rimasta orfana di tre grandissimi artisti: da Cadice “El Junco”, da New York Juana Calá, una maestra che è stata importantissima per il flamenco italiano e che è stata addirittura madrina della nostra associazione nel 1997, e per ultimo Juan Carlos Lerida che con il suo Flamenco Empirico ci avrebbe portato in un mondo flamenco che è ancora poco esplorato in Italia.

Nel cassetto da tempo c’era l’edizione dedicata all’Italia che mi auguro possa proseguire in futuro con altre edizioni dedicate ai nostri bravissimi artisti. Il livello di professionalità in Italia negli ultimi anni si è alzato tanto e un po’ di campanilismo non guasta! In questo momento mi sembrava quasi doveroso. Il progetto nasce dal desiderio di ritornare a danzare con entusiasmo ed energia dopo un periodo di riflessione e profondo rinnovamento. Nasce da donne forti ed appassionate del proprio lavoro. Nasce dalla voglia di far parte di un progetto comune che sostenga e valorizzi artisti italiani di alto livello. Fuente Flamenca si è fatta portavoce di questa entusiasmante proposta organizzando 4 fine settimana di studio, spettacoli, laboratori. Questa volta il viaggio non è attraverso le città ma attraverso la poetica del flamenco e a quello che significa per tutti noi “aficionados”. Francesca Stocchi, Lara Ribichini, Ester Bucci e Carmen Meloni ci guideranno in: “Libertad – Alivio – Conciencia-Raices”
In questo momento storico oltre al Flamenco tradizionale volevamo proporre qualcosa che ci riportasse al vero significato della danza: benessere psicofisico, coscienza di corpo e mente insieme. Il percorso didattico, infatti, sarà arricchito dalle lezioni con Paola Savino, “Il Corpo Consapevole”: daremo così un ruolo centrale alle emozioni, permettendo agli allievi di “ritrovare”, nel movimento, la gioia e il piacere di un linguaggio comunicativo genuino e profondo. Proporremo inoltre, con Helga Zanon, un corso per i bambini. È un progetto che desideriamo costruire insieme con passione e dedizione. Per questo primo appuntamento proporremo anche una conferenza sulle origini e nascita del flamenco condotta dal maestro Alberto Rodriguez. Nei prossimi appuntamenti per Flamenco y Cultura ospiti protagonisti anche Marco Perona e José Salguero mentre Francesco Perrotta già dal primo appuntamento terrà un corso di cajon e ritmica.
E per non tralasciare nessun aspetto già dalla prima edizione abbiamo organizzato il TEMPORARY FLAMENCO SHOP: uno spazio espositivo per artigiani e produttori di vestiti, accessori, scarpe naturalmente dedicati al flamenco. La collaborazione continua con Yanna Moda Flamenca di Gianna Raccagni, Baggy Estilo Flamenco di Anna Marras, Don Flamenco Zapatos Madrid e Papel di Yolanda Casado Guillem.
La nostra sede di Vicenza è pronta ad accogliere gli allievi che desiderio partecipare a questo viaggio.
Punti di forza di questo progetto sono sicuramente il fatto che è nato dalla collaborazione generosa di tutti i professionisti partecipanti, l’entusiasmo, un po’ di coraggio e anche se sembra scontato amore per il Flamenco.

Ringraziamo Elisabetta per avere condiviso la sua esperienza con noi. Con richiesta specifichiamo che a causa dell’attuale situazione Covid e in merito a restrizioni riguardo ai teatri e agli spettacoli dal vivo, i tablaos che avrebbero dovuto avere luogo al termine dei workshops non saranno probabilmente possibili. La Direzione medita invece uno spettacolo-galà con tutti i professionisti che hanno partecipato per il mese di Marzo 2021.

Nei prossimi giorni, e al seguito dei vari appuntamenti, su questa stessa pagina saranno caricati materiali multimediali al fine di raccontare visivamente la rassegna in atto. Qui sotto intanto trovate tutte le informazioni necessarie a chi intenda prendere parte. Buon viaggio verso Vicenza a tutti voi. 

INFORMAZIONI RIGUARDO L’EDIZIONE IN CORSO.

Qualche video per raccontare com’è andata…

Un pensiero su “Viaje Flamenco. Vicenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...