Grazia Maugeri

Grazia Maugeri, Catania 1979. Nel Febbraio 2010 consegue il diploma di di IDB2 (ISTRUCTOR DE BAILE 2) Categoria “A” della Spanish Dance Society, che la abilita all’insegnamento del Flamenco, dell’Escuela Bolera e delle Danze Regionali Spagnole.

Formazione:
Stage di Flamenco con Pepa Molina – Bulerìas (2009)
Stage di Tecnica e Danza Estilizada (Classico Spagnolo) con Virginia Dominguez e Stage di Flamenco (Tientos) con Miguel Angel Espino – MALTA – (2009)
Seminario per Insegnanti S.D.S. tenuto da Sherrill Wexler – MALTA (2009)
Corso di palmas y Ritmica Flamenca con il M° Jeronimo Utrilla (2009)
Corsi di Flamenco presso l’Academia de Baile “Amor De Dios” – Centro de Arte
Flamenco y Danza Española MADRID (2009) con i maestri: La Tati – Soleà – Jaleo / La Truco – Impostaciòn Corporal
Stage di Flamenco con Miguel Angel Espino – Bulerìas (2009)
Corso di aggiornamento per Insegnanti con Conchita del Campo (2009)
Corso di aggiornamento per insegnanti S.D.S. tenuto da Vicky Ramos (2008)
Seminario per insegnanti tenuto da Sherril Wesler (2008)
Stage di tecnica e danza estilizada (classicospagnolo) con Miguel Angel Espino (2008)
Stage di Flamenco con Immagulada Ortega: Tientos y Caracoles (2008)
Stage di Flamenco con La Tati (2008) – Soleà por bulerìas
Nel Febbraio 2008 consegue il diploma di Segundo Año Estudiantes con votazione 85/100 e il diploma di IDB1 (ISTRUCTOR DE BAILE 1) della Spanish Dance Society, che la abilita all’insegnamento del Flamenco, dell’Escuela Bolera e delle Danze Regionali Spagnole.
Nel febbraio del 2007 consegue il diploma di Primer Año Estudiantes con votazione 93/100 “Sociedad de Baile Español”.
Stage Rocìo la Pimienta (2007) – bulerìas
Borsa di Studio a Londra presso il “Dance Attic Studio” – “Spanish Dance Society” (2006):
Alicia Marquez – clasico español – Virginia Dominguez – Taranto – Gemma De La Cruz – Bulerìas – Angus Cruickshank – Palmas
Nel febbraio del 2006 consegue i diplomi di Tercer Año con votazione 93/100 – Cuarto Año con votazione 100/100 – Quinto Año con votazione 100/100 – “Spanish Dance Society”
Nel febbraio del 2005 consegue i diplomi di Ingreso con votazione 98/100 – Primer Año con votazione 99/100 – Segundo Año con votazione 99/100 – “Spanish Dance Society”
Marc Aurelio (2005) – Alegrìas
Marialuisa Ihre (dal 2004 al 2008) preparazione agli esami della s.d.s.
Antonia Moya (2003) – alegrìas y bulerìas
Corsi di Flamenco presso l’Academia de Baile “Amor De Dios” – Centro de Arte Flamenco y Danza Española – MADRID (2003) con i maestri: Maria Magdalena – Tecnica e Impostación corporal – Maria Magdalena – Silencio de alegrìas – siguiriya / Belèn Fernandez – Siguiriya /La Truco – Tecnica e Impostación corporal /La Truco – Tangos y Tientos /Antonio Reyes – Farruca.
Corsi di Flamenco presso l’Academia de Baile “Amor De Dios” – Centro de Arte Flamenco y Danza Española – MADRID (2000) con i maestri: Paco Romero – Classico spagnolo / La Tati – Soleà por Bulerìas /Maria Magdalena – tecnica e impostación corporal /Enrique Pantoja – Bulerìas
Antonia Moya (2002) – Soleà por Bulerìas
Simona De Paola (2000) – Alegrìas
Marc Aurelio (1998) – Tangos de málaga
Simona De Paola (1995) – Bulerìas
Franca Roberto (1994) Tecnica di Zapateado

 

Tutto è iniziato…
Nel 1989, quando dopo la lezione di danza classica mi sono fermata a guardare una lezione di danza spagnola.

Quando hai capito che il Flamenco sarebbe stato la tua professione?
Nel 2003 dopo un’infortunio al ginocchio ho dovuto abbandonare la danza classica e mi sono gettata a capofitto nel flamenco, amandolo sempre più e scoprendo che era ciò che ho sempre amato più di ogni cosa.

Hai mai pensato di non farcela?
Credo sia capitato a tutti un momento difficile, ma sono un tipo testardo e vado avanti nonostante tutto e tutti.

Chi sono i tuoi punti di riferimento?
Adoro Antonio Gades, e rimpiango la sua scomparsa.

Quante ore alla settimana dedichi allo studio?
Tra lavoro e studio passo in sala circa 9/10 ore al giorno, compreso il sabato…

Quanto ha influito il flamenco nelle tue scelte personali?
Moltissimo, si fanno molti sacrifici per seguire una passione così forte. Ma io ho la fortuna di avere un marito che mi capisce e mi sostiene.

Se tornassi indietro quali sono le cose o le scelte che non rifaresti ?
Potendo tornare indietro senz’altro non perderei tempo a studiare qui… senza offesa per nessuno, ma ho scoperto cos’è davvero il flamenco in Spagna e mi sono resa conto che tutti gli anni di studio qui sono stati inutili.

Qual è stata, se c’è stata, la più grande difficoltà che hai incontrato per raggiungere i tuoi obiettivi di artista?
A volte le persone che ci vogliono bene, senza volerlo, costituiscono un grande ostacolo. Vorrebbero il meglio per noi, e come succede anche per chi vuol fare l’attore o il cantante, vorrebbero che intraprendessimo un mestiere più sicuro e “reale”.

Tecnica ed espressività. Che cosa viene prima?
Lo studio, gli esercizi e la tecnica, non soffocano il talento… lo liberano! Ma nel flamenco anche l’espressività è fondamentale.

Ti senti più artista o più insegnante?
Insegnare non è così facile come si crede, non basta saper fare… Credo di essere ancora più artista che insegnante… ma ci sto lavorando!

Qual’è il messaggio che vorresti trasmettere ai tuoi allievi?
Innanzitutto amare e capire fino infondo quest’arte, in tutte le sue sfaccettature.

E quale al pubblico? Quale tipo di pubblico vorresti conquistare?
Il flamenco riesce a coinvolgere ogni tipo di pubblico proprio perché parla al cuore, esprime tutti i sentimenti umani che ognuno di noi conosce.

Qual’è il tuo rapporto con gli altri colleghi?
Collaboriamo spesso per creare laboratori, per organizzare stage e spettacoli. Con alcuni più che con altri questo è ovvio, ma in generale direi che ho un buon rapporto.

Quali sono i tuoi progetti attuali?
Ho appena aperto un centro dedicato proprio al flamenco, non a caso si chiama JUERGA FLAMENCA (Acireale-Catania), adesso tutte le mie energie sono dedicate alla Juerga, abbiamo appena svolto uno stage con Pepa Molina, adesso siamo concentrati nella preparazione dello spettacolo VIAJE EN ESPAÑA, e da settembre partirà un laboratorio di ritmica flamenca, con chitarrista e cantaor per entrare nel vivo in quest’arte, che purtroppo qui in Italia conosciamo solo attraverso cd e video.

C’è stato un momento della tua carriera particolarmente emozionante e per questo indimenticabile?
Bhè si per fortuna più di uno: il premio per il miglio livello tecnico, la borsa di studio a Londra, gli esami della Spanish Dance Society superati sempre con il massimo dei voti…. Ma per queste cose basta leggere il mio curriculum… non voglio annoiarvi….

E che cos’è che non hai ancora fatto ma che speri un giorno di fare? Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Sogno nel cassetto, quasi irrealizzabile…. Vivere in Spagna.

Qual’è l’artista/collega (bailaor, cantaor, tocaor) della scena attuale che più corrisponde al tuo gusto e che più ti emoziona?
Mi piace molto Antonio Marquez, ma anche Sara Baras e Joaquìn Cortès, ma a chi non piacciono? Meno conosciuta, ma molto elegante ed espressiva, nonché ottima insegnate La Truco e anche la stessa Pepa Molina che come ho detto ha svolto un cursillo nella mia scuola.

La tua meta ideale: Sevilla, Jerez, Madrid o…?
Senz’altro Madrid.

Tradizione o modernità?
Non credo possa esistere modernità senza tradizione, soprattutto nel flamenco.

Pensi che ‘il Duende’ sia solo una prerogativa del popolo gitano o spagnolo?
No credo che il flamenco sia universale.

Il tuo più grande difetto e il tuo più grande pregio come artista e come persona
Domanda difficile, dovrebbero essere gli altri a rispondere per me.

La prima letra che ti viene in mente…
Ay, ay…..
Como reluce (bis)
La gran calle de Alcalà
Como reluce (bis)
Cuando suben y bailan los andaluces
Vámos vámos
Al cafè de la Unión.
Adonde para Curro Cuchares, El Tato Y Juan León

A che cosa pensi un momento prima di salire sul palcoscenico?
Cerco di non pensare a nulla.

Le emozioni che provi mentre balli …a cosa pensi ?
Le emozioni dipendono dal baile che sto interpretando, cerco di fondermi totalmente con la musica e il cante.

Ti capiterà di salire sul palco e non avere voglia di ballare, voglio dire… immagino che quando diventa un impegno possa succedere. Come te la sbrighi ?
L’unica volta è stato quando mi sono ritrovata a ballare ad un convegno sulla Spagna… sulle mattonelle di marmo. Lì la paura di scivolare era forse più forte, ma è andata bene e comunque la serata (mattonelle a parte) era molto interessante.

Bailaora solista su di un palco. Chi vorresti con te come accompagnamento al cante y al toque ?
Fantasticando? Ginesa Ortega e Chicuelo.

Cosa pensi invece del baile in compania? Sia come ballerino che come spettatore.
Adoro la compagnia di Antonio Marquez, riesce a creare cose stupende, però forse la compagnia riduce la libertà espressiva dell’artista, che si sente “stretto” in una coreografia corale ben definita. Il flamenco, in fondo, nasce dall’improvvisazione. Ma il pubblico risponde molto beneal baile in compagnia.

Il palos che ti rappresenta di più o quello che pensi sia più rappresentativo per il tuo baile
Adoro l’alegrìas, in ogni sua fase… Mi diverte il tiritritran, esprimo la mia femminilità nel silencio, adoro creare giochi ritmici sulle sue escobillas, interpretare le sue letras, e poi finire in bulerìas. Nell’alegrìas c’è tutto ciò che adoro del flamenco.

Ascolti altri generi musicali oltre al flamenco? Se si quali?
Accendo la radio e basta, mi piace ogni tipo di musica, quando sono in casa la radio è sempre accesa.

L’ultimo libro che hai letto ?
Il Conte di Montecristo di Alexandre Dumas.

Qual’è il momento della giornata dove ti senti maggiormente creativo ?
La Mattina

Un consiglio per i nostri lettori che vogliono fare del flamenco la loro professione
Prendere la valigia e andare a studiare in Spagna, solo così si potrà capire la vera essenza del flamenco.

Il tuo segreto inconfessabile …
Bhè è inconfessabile….

Il tuo compagno ideale: dentro o fuori dell’ambiente flamenco?
Mio marito, come ho già detto mi capisce e mi sostiene… ed è anche un discreto bailaor.

Il flamenco in una parola
Il Flamenco è Vita.

Grazie a Grazia! Per chi volesse saperne di più:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...