Mariano Manzella

Mariano Manzella comincia i suoi studi di chitarra nell’anno 1993 a Buenos Aires con il maestro Hector Romero, da quel momento in poi, continua i suoi studi con maestri come Enrique de Cordoba, Augustin Ellin e Emilio Amador.

Nell’anno 1997, si reca per la prima volta a Boston e studia con il prestigioso maestro madrileno Chuscales.
Nello stesso anno a New York suona con la compagnia di Carlota Santana.

1998: Si reca a Siviglia dove prende lezioni da Manolo Franco (premio Girardillo de Sevilla) e con il Cantaor Segundo Falcon che accompagnava le lezioni.

2001: Invitato a partecipare al Festival Internazionale di Flamenco di Albuquerque (New Mexico, USA) e studia con Pedro Cortés y Paco Jarana.

2002: Nuovamente a Albuquerque e studia con Santiago Aguillar, nello stesso anno partecipa a spettacoli nella città di Las Vegas, San Francisco y Salt Lake City, in galà e Workshop, nel frattempo a Buenos Aires continua le lezioni con David Amaya e Barberia del Sur.

2004: si unisce alla compagnia Yjastros con Joaquin Encinias e torna a partecipare al Festival Internazionale di Albuquerque.

Nello stesso anno si reca per la prima volta in Giappone, Fukuoka, insieme a Clara Giannoni e il Cantaor Toli de Linares, dove realizzano spettacoli e workshop.
Ritorna in Giappone, per esibirsi nuovamente insieme alla stessa compagnia.

2005: si reca a Porto Alegre, (Brasile) e partecipa con la compagnia di Patricia Rodriguez allo spettacolo Ensueño Flamenco nella sala Opiniao.

Partecipa nuovamente al Festival di Albuquerque, insegnando e esibendosi.

2006: Partecipa a spettacoli insieme a Rafael Amargo e Laura Manzella nell’Hotel Faena di Buenos Aires.
Successivamente ritorna a New York dove partecipa a spettacoli con molti artisti locali e nello stesso ritorna in Giappone (Fukuoka) e partecipa a diversi spettacoli e serate.

Torna in America per concorrere nuovamente al Festival Internazione di Albuquerque dove è parte attiva negli spettacoli e nei Workshop.

Nel 2007 a New York collabora con Raffaello Brunn e Andrea del Conte per la produzione del CD “Porte Aperte” .

Dal 2008 è a Roma con la Compagnia Caterina Costa e partecipa a diverse serate al Teatro Greco e Aventino di Roma.

Nel 2009 collabora anche con la compagnia di Dario Carbonelli e Lara Ribichini esibendosi al Teatro Greco ed altri Teatri della Capitale.

Nel 2009 è a Udine con la  Compagnia Lucia Tosto. Nel 2008, 2009 in Germania,  Sunder per il  Ferrari Day. Ancora nel 2009  è in  Turchia al  Festival Flamenco di Ankara.

 

 

Quando hai capito che il flamenco sarebbe stato la tua professione?
Cuan escuche por primera ves a Camaròn de la Isla.

Hai mai pensato di non farcela?
Una ves que conoci el flamenco abandone los otros estilos que tocaba (tango, rock) para dedicarme solo al flamenco, sentia que queria poner toda mi energia solamente ahi. El flamenco creo que te cautiva te quita de todo lo otro..te enamora.

Chi sono i tuoi punti di riferimento ?
En el cante Tomàs Pavòn, La Nina de los Peines, Antonio Mairena, Manolo Caracol, Fernanda y Bernarda de Utrera, Chano Lobato, Enrique el Extremeno, Pepe de Pura, La Paquera de Jerez , Chocolate. En la guitarra Paco Jarana, Manolo Franco, Sabicas, Pepe Habichuela, Dany de Moron- actualmente. En el baile Manuela Carrasaco, Farruco “viejo”, Andrès Marìn, Farruquito.

Quante ore alla settimana dedichi allo studio?
Tengo temporadas de 5 horas y otras de menos, que no solo implica en la tecnica, tambien y principalmente escuchando mucho cante.

Quanto ha influito il flamenco nelle tue scelte personali?
En mi deciciones influyo de manera que siempre soy yo mismo: Mariano, musico, argentino de Buenos Aires..como soy toco y canto. El personaje..que se hace lo que no es..finalmente caduca..como  decia la Fernanda..”estan los que les gusta el arte..y los que les gusta el artisteo..”

Se tornassi indietro quali sono le cose o le scelte che non rifaresti ?
Distraerme..como nos suele pasar muchas veces a los seres humanos.

Qual è stata, se c’è stata, la più grande difficoltà che hai incontrato per raggiungere i tuoi obiettivi di artista?
La valentia y la intuicion.

Quali sono le tue inquietudini d’artista ? Cosa ti fa salire l’ispirazione ?
Hoy por hoy pensar en mi hija..me llena de concentracion.

Tecnica ed espressività. Che cosa viene prima?
Para mi la expresividad, claro las libertades que da la tecnica..es maravilloso pero sin lo primero lo segundo no cuenta.

Ti senti più artista o più insegnante?
Primero ser buena persona , decir lo otro es un poco narciso… prefiero que lo digan mis colegas.

Qual’è il messaggio che vorresti trasmettere ai tuoi allievi?
Que aprendan a estudiar, aprovechar bien el tiempo, a respetar los procesos que llevan a ser un buen aficionado luego si diventan artista mejor.

E quale al pubblico? Quale tipo di pubblico vorresti conquistare?
No quiero contistar ningun publico en especial, cuando voy a un show voy con lo mejor de mi que es lo que el publico siempre espera y al final termina uno mismo siendo el conquistado.

Qual’è il tuo rapporto con gli altri colleghi?
Tengo muchos amigos, y aprendo de todos

Quali sono i tuoi progetti attuali?
Actualmente estoy trabajando en Argentina en Buenos Aires, “Rosario y Mendoza” con mi hermana la bailaora Laura Manzella y Armando el proyecto de mi cd que se grabara en New York.

C’è stato un momento della tua carriera particolarmente emozionante e per questo indimenticabile?
Mi participacion en en festival internacional de flamenco de Albuquerque, New Mexico, junto a los mejores de Espana, y yo con la compania “Yjastros” compartiendo palco etc.

Che cos’è che non hai ancora fatto ma che speri un giorno di fare? Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Esto que les contaba del proyecto de mi cd, que verdaderamente es el fruto de mucho tiempo.

Qual’è l’artista/collega (bailaor, cantaor, tocaor) della scena attuale che più corrisponde al tuo gusto e che più ti emoziona?
Andres Marìn, Farruquito.

La tua meta ideale: Sevilla, Jerez, Madrid o…?
Cadiz, el Puerto de Santa Maria.

Tradizione o modernità?
Tradizione indudablemente

Pensi che ‘il duende’ sia solo una prerogativa del popolo gitano o spagnolo?
Gitano

Il tuo più grande difetto e il tuo più grande pregio come artista e come persona
Mi ansiedad me mata, gustar como me gusta el flamenco.

La prima letra che ti viene in mente…
de solea… ” en todas partes del mundo sale el sol cuando es de dia.. a mi me sale de noche hasta el sol va en contra mia..”

A che cosa pensi un momento prima di salire sul palcoscenico?
Mi familia y tambien quien me manda a estar aqui !!!!

Solista su di un palco. chi vorresti con te come accompagnamento al cante,  otros mucicos al toque, al baile ?
Chocolate, Pepe Habichuela

Il palos che ti rappresenta di più.
Buleria

Ascolti altri generi musicali oltre al flamenco? Se si quali?
Musica Popular Brasilera

L’ultimo libro che hai letto ?
“Travesuras de la Nina Mala”, Mario Vargas Llosa

La tua giornata ideale?
En mi casa descanzando

Qual’è il momento della giornata dove ti senti maggiormente creativo ?
A la manana bien temprano

Un consiglio per i nostri lettori che vogliono fare del flamenco la loro professione
Que se comprometan a full y que sean autenticos

Il tuo segreto inconfessabile …
El pulso de mi corazon suena por bulerias

Il tuo compagno/a ideale: dentro o fuori dell’ambiente flamenco?
Aquel que me respete. Que es lo que sentì en Italia, Olè el flamenco de Italia.

Ringraziamo Mariano! Per chi volesse saperne di più :

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...